Iniziati tutti i campionati maggiori è tempo di scommesse, non nel senso di 1×2, ma nel senso di capire quali possono essere i giovani che vedranno aumentare vertiginosamente il prezzo del loro cartellino. Per fare quest’azzardo non c’è niente di meglio che andare in Germania e dare uno sguardo alla Bundesligla.

In porta è da seguire Florian Muller del Mainz, classe 1997, struttura fisica imponente, si è fatto già conoscere la scorsa stagione risultando immediatamente decisivo. Ha qualche gettone nelle nazionali giovanili tedesche, dove però è stato per la maggior parte delle partite una riserva.

In difesa Pablo Maffeo, che già ha fatto bene in Spagna, non troppo per gli standard del Manchester City e può essere un colpaccio stile Pavard per lo Stoccarda. Anche il Lipsia è esperto in questo campo e chi sa che dopo Dayot Upamecano non sia il classe 1998 Marcelo Saracchi a confermarsi in Europa. Da monitorare anche Evan N’Dicka nato nel 1999 e acquistato dall’Eintracht scuola Auxerre. Un altro “straniero” interessante può essere Aaron Martin del Mainz. Gian-Luca Itter sembra partire dietro nelle gerarchia del Wolfsburg, ma la stagione è lunga ed ha già dimostrato parte del suo valore lo scorso anno. Restando in ambito puramente teutonico anche il 2000  Louis Beyer Borussia Moenchengladbach può essere un jolly difensivo su cui puntare. Sarebbe sciocco lasciar fuori dal lotto Niklas Stark classe 1995 dell’Hertha Berlino già conosciuto al grande pubblico.

A centrocampo il già noto Mahmoud Dahoud del Borussia Dortmund potrebbe fare il definitivo salto di qualità, mentre l’altro Borussia ha a disposizione un gioiellino, classe 1999, mica male che risponde al nome di Mickaël Cuisance.  Sono messi decisamente bene in casa Hertha Berlino tra Valentino Lazaro e Arne Meier il presente e il futuro sembra assicurato. Lucas Torro, seppur del 1994, può essere un buon investimento per l’Eintracht magari molto a sorpresa. Walace dell’Hannover dopo la parentesi all’Amburgo può rilanciare notevolmente le sue quotazioni, ha già conquistato la medaglia d’oro alle olimpiadi con Brasile suscitando anche l’interesse della Fiorentina. Maximilian Eggestein del Werder si è già fatto conoscere a buon livello, vale la pena non perderlo di vista.  Non manca nemmeno in questa zona del campo un esponente del Lipsia, Matheus Cunha del 1999 se trova spazio potrebbe essere una piacevole sorpresa. Santiago Ascacibar oltre che  fare le fortune dello Stoccarda è una tiepida speranza per gli argentini soprattutto dopo l’addio alla Seleccion di Mascherano.

In attacco Jean-Kévin Augustin del Lipsia ha sicuramente margini di miglioramento notevoli. Lo stesso discorso vale per Josip Brekalo del Wolfsburg, sperando che la sua testa non faccia la differenza in negativo. La coppia Eintracht Jovic-Haller è interessantissima, peccato che ci sia posto solo per uno tra i titolari al momento. Johannes Eggestein, fratello di Maximilian,  attende con ansia una chance concreta da parte del Werder.  Marco Richter, classe 1997, scuola Bayern potrebbe ripercorrere le orme di Sandro Wagner per la gioia dell’Augusta. Nicolas Gonzalez, dopo aver assaporato l’Inter, vorrà dimostrare ai nerazzurri di essersi sbagliati a non chiudere l’affare, fare bene allo Stoccarda potrebbe essere un primo passo.