Il Liverpool di Jurgen Klopp pare essere l’unica seria candidata a contrastare il Manchester City di Pep Guardiola nella corsa per il titolo. Ma dove può realmente arrivare il Liverpool e a quali insidie i Reds dovranno fare attenzione durante il corso della stagione?

La passata stagione per gli uomini di Jurgen Klopp è stata piuttosto esaltante e con una campagna acquisti di assoluto livello la squadra si è rinforzata molto andando a sopperire, almeno nelle aspettative, ai punti deboli emersi durante il passato campionato.

La sconfitta in finale di Champions brucia ancora molto, soprattutto per le modalità in cui è arrivata. I decisivi errori sono costati il posto al portiere Loris Karius che è stato ceduto in Turchia.

Al suo posto è arrivato dalla Roma il brasiliano Allison che oltre ad aver dimostrato di essere uno dei migliori al mondo tra i pali è considerato tra i migliori interpreti del ruolo anche con i piedi.

Attenzione a non sottovalutare quest’aspetto che è di fondamentale importanza per il tipo di gioco adottato da Klopp che spesso e volentieri si affida al proprio portiere per iniziare l’azione.

La difesa può sembrare il punto debole dei Reds, ma così non sembra a giudicare da questo avvio di Premier League. Il Liverpool in queste prime quattro partite di campionato ha subito soltanto un goal in seguito proprio al pasticcio commesso da Allison contro il Leicester.

Un errore che difficilmente rivedremo fare al portiere brasiliano. Per il resto la difesa è sembrata solida e attenta, sicuramente è un reparto rodato.

I due terzini Arnold e Robertson sono prospetti interessanti e dagli ampi margini di miglioramento. Da loro ci si aspetta qualcosa in più rispetto alla passata stagione e se il rendimento sarà quello di questo avvio Klopp può dormire sonni tranquilli.

Al centro Virgil Van Dijk è un giocatore affidabile, fortissimo sui palloni alti con qualche amnesia difensiva, ma anche con qualche goal in canna. Al suo fianco Lovren o Matip si giocheranno il posto e sono due difensori di buonissimo livello.

Il centrocampo è il reparto in cui il mercato ha regalato le maggiori soddisfazioni con l’arrivo di Naby Keita e di Fabinho. Keita è un giocatore perfetto per lo stile di gioco di Klopp. Grande corsa, buona tecnica, inserimenti, ma anche tanta sostanza lo rendono un giocatore completo. Fabinho sarà molto utile per dare equilibrio ad una squadra a trazione offensiva.

L’attacco è sicuramente il punto forte. Salah, Manè e Firmino sono a tratti inarrestabili e se riusciranno a mantenere il livello raggiunto nella passata stagione ci sarà da divertirsi. Shaqiri è un acquisto intelligente che tornerà utile per dare un po’ di riposo durante la lunga stagione.

Il Liverpool pare essersi rinforzato molto, ma le insidie sono dietro l’angolo. La lunga stagione per una squadra che gioca ai mille all’ora come quella di Klopp può essere un problema in quanto non sempre si può andare a tutto gas. Gli acquisti hanno allungato la rosa e dato alternative che il buon Jurgen dovrà gestire accuratamente.

Se la Champions è sempre un’incognita il Liverpool pare essere l’unica candidata ad infastidire il City di Guardiola per il titolo di campione d’Inghilterra. I Citizens sono avvisati, occhio ai Reds!

Vi consigliamo inoltre di leggere la nostra Preview sulla Premier League 2018/2019.

Parte 1 – Parte 2 – Parte 3